Slidehomepage

Lo Psicologo

Lo psicologo clinico è quel professionista della salute che utilizza metodologie e tecniche della disciplina psicologica, con l'obiettivo di aiutare il paziente nella risoluzione e nella prevenzione di uno stato di disagio, di un problema, di sintomatologie specifiche, di disturbi mentali.

Lo psicologo è laureato in psicologia, abilitato all'esercizio della professione, quindi iscritto ad un ordine regionale degli psicologi. Alcuni psicologi iscritti all'ordine, non sono laureati in psicologia (a causa una sorta di sanatoria intervenuta al momento dell'introduzione dell'albo degli psicologi). La legge che regola la professione di psicologo è la L. 56/89.

Lo psicologo del settore clinico adotta la psicologia come scienza applicata alla salute, attraverso l’utilizzo del colloquio psicologico quale strumento clinico, utilizzato per finalità di consulenza psicologica, diagnosi, abilitazione, riabilitazione, sostegno psicologico e cura.


CHE DIFFERENZA C'E' TRA PSICOLOGO, PSICOTERAPEUTA, PSICOANALISTA?


Lo psicologo è un professionista che ha superato l'esame di Stato e si è iscritto all'Albo Professionale della sua Regione, per poter esercitare la professione (se non ha l'iscrizione all'Albo, è come un laureato in un’altra disciplina, ma non è psicologo).
Lo psicologo può fare diagnosi, valutazioni, interventi di prevenzione, sostegno, consulenza. Non può prescrivere farmaci, a meno che non abbia conseguito un a seconda laurea in Medicina.

Lo psicoterapeuta è un professionista (psicologo o medico) che ha proseguito il percorso di formazione presso strutture pubbliche o private (scuole di specializzazione in psicoterapia), riconosciute dal MIUR, iscritto all'Elenco degli psicoterapeuti.
Lavora sulla patologia, sul disagio per aiutare la persona a (ri)conquistare il benessere. Non utilizza farmaci, benché possa prevedere la combinazione di psicoterapia e farmacologia.


La psicoterapia è una forma di terapia praticata con mezzi esclusivamente psicologici, rivolta a persone con problematiche quali: ansia, depressione, problemi relazionali nell'ambito della famiglia ma anche nell'ambito del lavoro o delle amicizie, insicurezza, incapacità di prendere decisioni, fobie (claustrofobia, agorafobia, fobia di parlare in pubblico ecc.), attacchi di panico e altri disturbi della sfera psicologica ed emotiva che il paziente vuole affrontare.
La psicoterapia viene praticata da psicologi e medici specializzati e iscritti all'elenco degli psicoterapeuti.
La durata di una psicoterapia dipende da tante variabili e può variare da poche settimane a più mesi o anni.
Nel tempo, diverse correnti di pensiero, diverse scuole e rappresentanti hanno segnato la Psicologia, nel duplice intento di comprendere la psiche umana e di arricchire un bagaglio concettuale e applicativo capace di intaccare la sofferenza connessa ai disturbi mentali. Ne è derivata una grande diversificazione di orientamenti e di modalità applicative, a seconda dell’approccio teorico di riferimento (es: Gestaltica, Cognitiva, comportamentale e costruttivista, Ipnotica, Psicoanalitica, ecc.).

Lo psicoanalista è uno psicologo psicoterapeuta che ha seguito una formazione analitica; la psicanalisi è stata fondata da Sigmund Freud (1856-1939): analizza i processi psichici dell'inconscio, per lo più allo scopo di riconoscere e guarire alcune manifestazioni morbose, la cui radice sta negli strati più profondi della psiche (classicamente lavora col lettino).